Come scegliere l'arredamento per la ristorazione veloce
50836
single,single-post,postid-50836,single-format-standard,edgt-core-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,vigor child-child-ver-1.0.0,vigor-ver-1.4, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-4.4.2,vc_responsive
arredamento per ristorazione - Bocchini arredamenti

Come progettare e scegliere l’arredamento giusto per la ristorazione veloce

Negli ultimi anni il modello imposto dai fast-food americani è andato in crisi: mangiare velocemente non significa più dover scegliere tra pizza e panino. Il ritmo della vita odierna è sempre più elevato, il tempo per la pausa pranzo è sempre di meno, ma le persone non sono disposte a sacrificare la qualità in quei pochi attimi liberi a disposizione. Per la ristorazione veloce, dunque, è importante offrire un servizio “rapido”, non “frettoloso”: a noi di Bocchini Arredamenti piace chiamarla Ristorazione Illuminata. Un locale che vuol mettere il cibo al centro della scena e garantire ai propri clienti un pasto veloce (ma di qualità) deve seguire alcune regole fondamentali.

 

 

Regola numero 1 per la ristorazione veloce: ottimizzare gli spazi.

La metratura è un costo, e come tale va contenuto il più possibile per poter offrire prezzi competitivi. Più tavoli e sedute si riescono ad inserire (sfruttando anche il bancone), più clienti si possono servire. Questo permette di avere un maggior volume di servizio e di non trovarsi impreparati all’arrivo dei clienti nelle ore di punta. Attenzione: ottimizzare gli spazi non significa ridurre tavoli e sedie a dimensioni lillipuziane. Avete presente i bristrot del centro di Parigi? Le dimensioni ridotte non devono tradursi in scomodità per il cliente. Un errore del genere può costare caro: difficilmente si torna in un posto dove il comfort è assente ingiustificato.

 

Come progettare e scegliere l'arredamento giusto per la ristorazione veloce

 

Regola numero 2 per la ristorazione veloce: rapidità.

Ci sono diversi fattori che aiutano a raggiungere questo delicato risultato. Primo fra tutti una cucina efficiente e razionalmente organizzata. Poi un servizio ben coordinato, per affrontare al meglio il flusso di lavoro negli orari più critici. A tal fine è sempre meglio prevedere in pianta il percorso ottimale per camerieri e clienti: un percorso circolare smaltisce meglio i flussi ed evita che personale e frequentatori si scontrino. Un bravo architetto è in grado di studiare il miglior layout per la vostra attività di ristorazione.

 

 

Regola numero 3 per la ristorazione veloce: igiene.

È un elemento fondamentale, soprattutto nei locali a elevata rotazione. È bene sensibilizzare il personale su questo aspetto e prevedere che l’attività di pulizia venga svolta a frequenza elevata, non solo all’apertura e alla chiusura dell’esercizio, ma anche (e soprattutto) durante l’orario di lavoro. Bocchini Arredamenti è particolarmente sensibile a questo aspetto. L’attrezzatura deve garantire i più alti standard igienici: lo staff dell’azienda sa orientare il cliente verso le migliori superfici, resistenti e facili da pulire.

 

Grupo Potato

 

Infine, la cosa più importante: riuscire a dare vita all’ambiente che si ha in mente. L’impatto visivo deve valorizzare il vostro potenziale e stupire il cliente. Il successo di un’attività dipende sempre più dalla capacità di sapersi caratterizzare, differenziare e rinnovare: l’atmosfera non deve essere solo coerente con l’offerta gastronomica, ma diventarne l’ambasciatrice.

 

 

Dal 1960 Bocchini Arredamenti trasforma ogni locale in un’opera d’arte, un territorio unico in ogni suo dettaglio. Il segreto di questo successo? Concepire (dalla fase di progettazione fino a quella della comunicazione) un ambiente adatto al business del cliente, per esaltare il suo spirito e per consentire ai clienti di passare il poco tempo che hanno a disposizione in modo piacevole e appagante, immersi in un’atmosfera speciale.

Sei curioso di sapere altro? Scrivici!

Nome*

Email*

Messaggio*